websights 5 chiavi per il successo nell'implementazione dell'IAM - TrustBuilder

Stai cercando inwebo.com? Siete nel posto giusto! Leggete tutto nel nostro post sul blog

Venite a trovarci di persona alle prossime fiere e conferenze del settore.

Contenuti

5 chiavi di successo per l'implementazione dello IAM

L'implementazione dell'IAM non è un progetto da intraprendere alla leggera. L'implementazione di Identità e Access Management avrà un impatto sugli utenti, sulle applicazioni e sui processi interni e potenzialmente anche sui vostri clienti, se hanno bisogno di accedere alle vostre applicazioni, in un modo o nell'altro. Sebbene l'IAM possa essere visto principalmente come una soluzione tecnologica, non è così. Nel corso degli anni l'attenzione si è spostata dalla sicurezza all'abilitazione del business digitale. L'implementazione dell'IAM comprende sia componenti aziendali che tecnologiche.

Sulla base della nostra esperienza, dei casi dei clienti e dei consigli degli analisti, abbiamo stilato un elenco di best practice per ottenere il massimo dalla vostra implementazione IAM.

Continuate a leggere per conoscere queste best practice:

  1. Inserire il programma nell'azienda
  2. Creare una roadmap a lungo termine per l'implementazione dello IAM
  3. Decidere se costruire o acquistare
  4. Definire ruoli e responsabilità IAM
  5. L'esperienza dell'utente è la priorità assoluta

1. Inserire il programma nell'azienda

Qualunque sia la portata della vostra implementazione IAM, sappiate che molti utenti interni saranno coinvolti. È importante assicurarsi che tutti sappiano cosa sta per accadere, ma anche perché sta accadendo, cosa significherà per le loro attività quotidiane e come li aiuterete ad affrontare i cambiamenti in arrivo.

L'implementazione dell'IAM deve essere interfunzionale

Consultate le diverse divisioni dell'azienda in merito al programma e assicurate il coinvolgimento dei diversi team aziendali: vendite, marketing, assistenza, finanza, risorse umane... Trasformando l'implementazione dell'IAM in un esercizio trasversale ai vari dipartimenti, potreste trovare un maggior numero di casi aziendali che supportano l'investimento, consolidando ulteriormente il programma come un vantaggio per l'intera azienda.

Sono molti gli obiettivi aziendali che possono essere raggiunti attraverso la modernizzazione dell'IAM: costruire ecosistemi, migliorare l'efficienza della forza lavoro, ridurre i costi, aumentare i ricavi, ecc.

Tutti questi obiettivi aziendali hanno molto da guadagnare da un incremento dell'IAM.

Trovate uno sponsor esecutivo per la vostra implementazione IAM

Indipendentemente dal fatto che l'implementazione IAM sia trasversale o meno, è indispensabile avere uno sponsor esecutivo per il programma, per garantire che il progetto rimanga al centro dell'attenzione a livello di consiglio di amministrazione. La presenza di uno sponsor esecutivo nel vostro steerco garantirà che la vostra implementazione riceva le risorse necessarie, indipendentemente dai cambiamenti del mercato.

Inoltre, l'IAM sta diventando un fattore di supporto al business. Ciò significa che le persone responsabili del programma devono parlare il linguaggio aziendale per essere comprese. Un programma IAM sarà giudicato sulla base dei risultati aziendali, non sulle finezze tecniche.

Per saperne di più sugli obiettivi aziendali che un progetto IAM supporta

2. Creare una tabella di marcia a lungo termine

Un'implementazione IAM non è un semplice progetto con un orizzonte temporale limitato. Alcuni analisti lo paragonano a un iceberg, con una sostanza significativa sotto la superficie delle iniziative proposte. Ciò richiede un programma formale a lungo termine, allineato agli obiettivi aziendali, con diverse fasi e una governance adeguata. Le ricerche dimostrano che le organizzazioni che non hanno un programma formale spendono il 40% in più per un'implementazione IAM rispetto alle aziende che ne dispongono.

L'implementazione dello IAM supporta la trasformazione del business

I programmi che ottengono il maggior consenso (e un flusso costante di risorse e budget) sono quelli che supportano una trasformazione aziendale a lungo termine. Non solo dovete sapere dove siete ora, ma anche dove volete essere tra un paio d'anni. Piantate la vostra bandiera sulla cima di una montagna e decidete quali sono le tappe necessarie per raggiungerla. Stabilendo una tabella di marcia per l'implementazione dell'IAM che sia approvata dai diversi stakeholder, si crea trasparenza sul processo e si può fare riferimento alla tabella di marcia approvata ogni volta che vengono sollevate obiezioni lungo il percorso. A seconda della situazione attuale e dell'obiettivo finale, una roadmap può benissimo estendersi per diversi anni. Attenetevi il più possibile alla roadmap, ma lasciate un po' di spazio alla flessibilità, perché le condizioni di mercato e la strategia aziendale possono cambiare.

3. Decidere se costruire o acquistare

Nel corso degli anni, molte organizzazioni hanno costruito la propria versione di una piattaforma IAM. Quando hanno iniziato a utilizzare lo IAM, il business case era di portata limitata e non era ritenuto abbastanza importante da giustificare un ampio studio di mercato, l'investimento in un nuovo strumento o la riqualificazione del personale tecnico. Inoltre, le organizzazioni ritenevano che la loro situazione fosse così unica da non poterla racchiudere in una soluzione "pronta per l'uso".

Tuttavia, con il passare del tempo, sono emersi nuovi casi aziendali, che talvolta richiedevano la sicurezza delle API, il supporto di nuovi Identity Provider, metodi di autenticazione e protocolli di sicurezza. È allora che vengono a galla i limiti della strategia "build". È il momento di riconsiderare la strategia di costruzione e di optare per una soluzione ricca di funzionalità, ma personalizzabile per supportare l'unicità della vostra azienda.

TrustBuilder.io rientra nella descrizione di questa soluzione. TrustBuilder è dotato di un vasto numero di connessioni plug-and-play a una serie di fornitori di servizi e identità, eliminando lo sviluppo da parte del cliente. La nostra architettura a sistema aperto fornisce la base per una flessibilità unica, mentre l'uso di container Docker garantisce un'implementazione rapida ed economica. I modelli di settore, le configurazioni standardizzate dei flussi di lavoro e le connessioni pronte per l'uso offrono competenze e riutilizzabilità integrate.

Per saperne di più sulla piattaforma TrustBuilder.io

4. Definire ruoli e responsabilità IAM

Un programma IAM è un programma di grandi dimensioni, quindi la creazione di una buona struttura di governance è fondamentale. Molte persone saranno coinvolte, sia all'interno che all'esterno dell'azienda, se si collabora con un partner di servizi esterno per una parte del processo di implementazione. La governance del progetto guida e dirige iniziative specifiche e rappresenta uno sforzo continuo di comunicazione e collaborazione. Gli organi di governance IAM si riuniscono regolarmente e i ruoli e le responsabilità di tutti i soggetti coinvolti devono essere definiti, ad esempio secondo i principi RACI: responsabile, responsabile, consultato e informato.

La vostra implementazione IAM ha un unico punto di contatto?

Quando sono coinvolti fornitori di servizi esterni, è importante avere un unico punto di contatto da entrambe le parti per semplificare le comunicazioni. Assicuratevi che i team interni ed esterni lavorino alla stessa velocità e che i fornitori di servizi esterni non subiscano ritardi nella loro azione a causa della lentezza del processo decisionale interno. Ciò richiede il coinvolgimento di un manager senior che abbia poteri decisionali e che segua il progetto abbastanza da vicino da essere autorizzato a prendere decisioni informate.

5. L'esperienza dell'utente è la priorità assoluta

Se il numero di sorrisi dei clienti fosse un KPI, molti progetti IT prenderebbero brutti voti. Troppo spesso ci si blocca sui dettagli tecnici e sulla necessità di sistemare tutti i particolari. Poiché offrire un'ottima esperienza al cliente è diventato un imperativo per gli utenti esterni e interni, i programmi IAM devono soddisfare anche la comodità dell'utente finale. Rendere l'accesso alle applicazioni il più semplice possibile, pur mantenendo una sicurezza a prova di bomba. Semplificare l'accesso vieta metodi di autenticazione complessi o combinazioni di password e nomi utente lunghi. Il futuro dell'autenticazione è senza password e, secondo alcuni, persino senza contatto.

Pensate agli utenti quando implementate lo IAM

Quando costruite un programma IAM, tenete presente chi sono gli utenti e vedete come possono essere serviti al meglio. Se collaborate con partner esterni, assicuratevi di supportare l'autenticazione federata. Ad esempio, se siete una compagnia di assicurazioni che lavora con i broker, i loro dipendenti vorranno accedere utilizzando le credenziali dell'azienda. Pertanto, dovrete supportare l'autenticazione federata. Nel caso dei consumatori, si vuole mantenere la soglia più bassa possibile, pur mantenendo il massimo livello di sicurezza, consentendo loro, ad esempio, di portare la propria autenticazione (BYOAuth).

BYOAuth può essere semplice come un nome utente e una password, ma potete dare ai vostri clienti la possibilità di aumentare la loro sicurezza consentendo loro di aggiungere i loro metodi di accesso preferiti, come Facebook login, AppleID, Google... o anche aggiungere i metodi di autenticazione forte che utilizzano, come Google Authenticator o i meccanismi di autenticazione dell'ID nazionale.